R1 - UNA PROVA DI IMMATURITÀ
>l’esito elettorale ha rivelato i limiti di una classe politica ancora poco matura<
Dai risultati delle elezioni che si sono svolte domenica 4 marzo esce un quadro incerto perché nessuno ha i numeri per governare - così, se il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella non troverà una soluzione che metta d’accordo degli avversari politici in parte incompatibili per promuovere un governo di larghe intese, si dovrà andare necessariamente a nuove elezioni che però tra gli eletti non vuole nessuno, anzi faranno di tutto per evitarle.
VINCITORI, VINTI E SCENARI POSSIBILI - dopo le elezioni da un certo punto di vista in realtà hanno perso tutti, ma chi ha perso di più sono proprio Di Maio e Salvini, perché prima delle elezioni si sono detti sicuri della loro vittoria e hanno chiuso le porte a eventuali accordi reciproci post-voto - da un altro punto di vista, se queste elezioni sono considerate come il primo turno di altre elezioni più decisive rispetto a queste, Di Maio, Salvini e Meloni, con i rispettivi partiti, hanno ottenuto un ottimo risultato, mentre Berlusconi, Renzi, Grasso e tutti gli altri a sinistra sono stati letteralmente bocciati - a questo punto gli scenari possibili che prevedo sono tre
(1) - viste le premesse, considerando che Di Maio e Salvini devono rendere conto a un elettorato cui hanno garantito coerenza, l’esito ideale dello stallo è un ritorno alle urne dopo aver cambiato la legge elettorale
(2) - Renzi, dimessosi da segretario, lascia liberi i parlamentari del PD di appoggiare i 5 Stelle senza però ottenere niente in cambio
(3) - uno scenario esattamente opposto rispetto a quello di 5 anni fa, in cui partendo dal centrodestra si creerebbe un governo con a capo Salvini che avrebbe l’appoggio di una componente proveniente dalla sinistra che in cambio otterrebbe quei posti di governo che i 5 Stelle non possono dare.
LA CONCRETEZZA AL PREZZO DELLA COERENZA - se tutti i leader in campagna elettorale hanno chiuso le porte a eventuali accordi postelettorali finalizzati a garantire la governabilità, è perché hanno fatto seguito agli avversari che, partendo dai 5 Stelle, hanno fatto altrettanto, guadagnando in tal modo dei consensi senza i quali non avrebbero ottenuto le stesse percentuali - tutto perché non sono stati abbastanza lungimiranti prima del voto, prendendo impegni insostenibili e condannando l’Italia a un’altra campagna elettorale
>i vincitori apparenti delle elezioni sono i maggiori responsabili di uno stallo da cui usciremo tutti perdenti<
Gian Franco Dettori - lu05mar2018
UN PERSONAGGIO INSIGNIFICANTE IN CERCA DI VISIBILITÀ>>R2
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R2 - UN PERSONAGGIO INSIGNIFICANTE IN CERCA DI VISIBILITÀ >quanto giudicare negativamente è peggio che non giudicare per niente
R4 - TUTTI SCONFITTI, SOPRATTUTTO I 5 STELLE >perché quella che per altri sarebbe potuta essere una vittoria, per gli allievi di Beppe Grillo è una chiara sconfitta
R5 - 1° RICHIAMO ALLA COERENZA DEL 2018 >una dote facile da pretendere ma difficile da vivere
R6 - IL MODELLO DI PERSONA COERENTE >un riferimento logico-pragmatico non sempre esemplare
R7 - LA COERENZA POLITICA >l’ideologia prima di tutto
R8 - LA COERENZA STORICA NELLA POLITICA >la conoscenza del passato al servizio del presente per un futuro migliore
R10 - IL MODELLO DI POLITICO IDEALE >le doti che dovrebbe avere un buon politico
R12 - LA TENTAZIONE DI RINNEGARE LE PROPRIE FRAGILI RADICI >un'occasione ghiotta da lasciarsi sfuggire
R20 - IL POLITICO PERFETTO >il profilo ideale di politico che emerge da sette doti
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R38 - UNA SOLA SOLUZIONE VALIDA >come salvare la faccia di fronte all’impasse politica
 
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"