R22 - UNA VITTORIA DEL CALCIO
>gli applausi degli juventini al gol di Cristiano Ronaldo hanno trasformato una sconfitta in una vittoria<
Oggi non ho visto la partita Juventus-Real Madrid in diretta ma mi è bastato andare sull’hashtag #JuveReal su Twitter per vedere uno dei gol più belli della storia del calcio e per sapere che i tifosi della Juventus, la squadra che prima tifavo e per la quale tuttora simpatizzo, hanno applaudito l’autore del gol, Cristiano Ronaldo, e lui successivamente ha ringraziato i tifosi avversari da gentiluomo, tre eventi che mi hanno fatto talmente piacere da avermi spinto a scrivere un richiamo per esprimere il mio apprezzamento e per fare una proposta.
LA PUNTA DI UN ICEBERG - credo che a far riflettere dovrebbe essere il fatto che non pochi ma molti tifosi, presumibilmente senza essersi messi d’accordo prima, hanno applaudito sportivamente il gesto atletico da parte di uno dei giocatori che in passato aveva riservato alla loro squadra delle prestazioni e dei gol per i quali, secondo un modo rozzo di concepire lo sport, qualcuno avrebbe potuto addirittura fischiare in segno di disapprovazione - in questo caso invece negli spalti bianconeri regnava un atteggiamento sano, tipico di chi prima ancora che la propria squadra ama il calcio, ma soprattutto un atteggiamento di rispetto e di sportività che merita di essere riconosciuto e preso a esempio per tutti.
UN PREMIO ALLA SPORTIVITÀ - considerando l’unicità di questa reazione così singolare non solo per il calcio ma anche per lo sport in generale, per promuovere ulteriori dimostrazioni di civiltà da parte delle altre tifoserie, al posto delle autorità della FIGC, del CONI o del ministero dello sport, io avrei istituito un riconoscimento rivolto alle tifoserie che d’ora in poi approfitteranno delle circostanze più varie, come in questo caso un gol avversario, per dimostrare nei modi a loro preferiti la loro sportività, fino a creare un clima di amicizia tra le tifoserie che, se da un lato continueranno a rivaleggiare e anche a prendersi in giro simpaticamente con i tifosi avversari, dall’altro lato saranno anche capaci di vedere nello sport la sua natura ludica e direi anche educativa.
>Dopo un gesto così significativo avrei istituito un riconoscimento alla sportività delle tifoserie da parte delle autorità sportive<
Gian Franco Dettori - ma03apr2018
R21<<IGNORANZA E MALAFEDE
CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA>>R23
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Altri richiami
 
R5 - 1° RICHIAMO ALLA COERENZA DEL 2018 >una dote facile da pretendere ma difficile da vivere
R6 - IL MODELLO DI PERSONA COERENTE >un riferimento logico-pragmatico non sempre esemplare
R21 - IGNORANZA E MALAFEDE >quando l’ignoranza non è una colpa e quando può creare molti guai
R23 - CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA >i vari tipi di cultura e il ruolo di educazione, esperienze e persone stimate
R24 - LA CULTURA E L'IGNORANZA >sapienti, superbi, umili e arroganti
R25 - IL SAPIENTE E LA SAPIENZA >quando il sapere non è ostentato
R26 - IL SUPERBO E LA SUPERBIA >quando il sapere da risorsa preziosa monta la testa di chi lo possiede
R27 - L'UMILE E L'UMILTÀ >quando la propria ignoranza è riconosciuta senza ipocrisia
R28 - L'ARROGANTE E L'ARROGANZA >quando l’ignoranza è nascosta per esigenze emotive
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R30 - LA DITTATURA DELL'IGNORANZA >perché spesso ha successo chi ha poca cultura
R42 - COMUNICAZIONE, CULTURA, FALSE NOTIZIE E INTERNET >come una risorsa culturale può diventare un limite e come porvi rimedio
R44 - LA SCIENZA CHIUSA NEL PASSATO E LA SCIENZA APERTA AL FUTURO >il progresso come ricerca di conferme o come apertura alle novità
R65 - L'ARROGANZA E LA SUPERBIA >l’ignoranza di chi vuol far credere di sapere e quella di chi pretende di avere ragione
R66 - LA SAGGEZZA E LA SUPERBIA >la consapevolezza limitante e l’ignoranza motivante
R31 - LO STATO DI SALUTE DI UNA SOCIETÀ >educatori, amministratori e terapeuti rispetto alla salute di una società
R32 - IL MESTIERE PIÙ DIFFICILE DEL MONDO >l’educazione da genitori, formatori e maestri come trampolino di lancio per la vita
R33 - L'AMMINISTRAZIONE COME VOCAZIONE >chi amministra per merito e chi lo fa per privilegio
R34 - ESIGENZE INDIVIDUALI, TERAPEUTI E BENESSERE >corpo, mente, conoscenza, cognizione e spirito
R36 - ESIGENZE, MOTIVAZIONI, LIBERTÀ E BENESSERE >la ricerca dell’equilibrio ottimale
 
 
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"