R24 - LA CULTURA E L'IGNORANZA
>sapienti, superbi, umili e arroganti<
Una lettura attenta di quello che è stato scritto sulla cultura (R23) e sull’ignoranza (R21) permette una doppia complementarietà per la quale l’elevata cultura quantitativa o orizzontale (il sapere) è opposta all’ignoranza conoscitiva, e la buona cultura qualitativa o verticale (la consapevolezza) è opposta all’ignoranza cognitiva - sovrapponendo le due distinzioni otteniamo 4 tipi di persone:
- 1 - le persone sapienti, che sono consapevoli e che sanno molto
- 2 - le persone superbe, ignoranti cognitivamente ma che sanno molto
- 3 - le persone umili, dotate di una buona consapevolezza ma con una conoscenza limitata
- 4 - le persone arroganti, con poca consapevolezza e poca conoscenza.
CONSAPEVOLEZZA E CONOSCENZA - se è chiaro che il migliore dei quattro profili è quello del sapiente e che il peggiore è quello dell’arrogante, tra i due ci sono il profilo del superbo, che ha molta conoscenza ma poca consapevolezza, al punto da umiliare chi sa poco come se il non sapere o il disinteressarsi fosse un torto da condannare, e il profilo dell’umile, che invece sa di sapere poco, ne è consapevole e non lo nasconde - stabilire quale di questi due profili sia migliore corrisponde a stabilire se sia meglio avere una cultura orizzontale, cioè una conoscenza vasta, o una cultura verticale, cioè una consapevolezza buona - la preferenza va alla consapevolezza sia perché essere consapevoli vuol dire essere capaci di fare scelte migliori, nell’interesse non individuale ma collettivo, sia perché mentre l’aumento delle conoscenze può essere associato all’illusione di essere consapevoli, l’aumento della consapevolezza è associato a una diminuzione generalizzata delle illusioni.
LA CONSAPEVOLEZZA DELLA PROPRIA IGNORANZA - quello che è stato scritto non implica una svalutazione del valore della conoscenza, anzi la consapevolezza della persona umile non deve mai farle perdere di vista la propria ignoranza conoscitiva, altrimenti darebbe un segno di ignoranza cognitiva.
>Mentre la conoscenza può trascurare il valore della consapevolezza, la consapevolezza per essere tale riconosce il valore della conoscenza<
Gian Franco Dettori - gi05apr2018
R23<<CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA
IL SAPIENTE E LA SAPIENZA>>R25
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R21 - IGNORANZA E MALAFEDE >quando l’ignoranza non è una colpa e quando può creare molti guai
R23 - CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA >i vari tipi di cultura e il ruolo di educazione, esperienze e persone stimate
R25 - IL SAPIENTE E LA SAPIENZA >quando il sapere non è ostentato
R26 - IL SUPERBO E LA SUPERBIA >quando il sapere da risorsa preziosa monta la testa di chi lo possiede
R27 - L'UMILE E L'UMILTÀ >quando la propria ignoranza è riconosciuta senza ipocrisia
R28 - L'ARROGANTE E L'ARROGANZA >quando l’ignoranza è nascosta per esigenze emotive
R65 - L'ARROGANZA E LA SUPERBIA >l’ignoranza di chi vuol far credere di sapere e quella di chi pretende di avere ragione
R66 - LA SAGGEZZA E LA SUPERBIA >la consapevolezza limitante e l’ignoranza motivante
R67 - FIDUCIA, DIFFIDENZA, PRUDENZA >fidarsi o meno della verità, dei ragionamenti, dei consigli altrui
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"