R30 - LA DITTATURA DELL'IGNORANZA
>perché spesso ha successo chi ha poca cultura<
In una società sana ideale i posti di maggiore responsabilità culturale, non solo politici (R14) ma anche di altro tipo (R31), dovrebbero andare alle persone più competenti (R29), che hanno una vasta conoscenza (cultura orizzontale, R23), una significativa esperienza pratica e un’alta consapevolezza (cultura verticale, R23) - in tal modo la nostra società, da un punto di vista culturale (conoscenze e consapevolezza), sarebbe sicuramente molto migliore, e se non è così è perché i posti più delicati (R31) spesso sono occupati da persone con conoscenze o competenze insufficienti e anche con una consapevolezza piuttosto deficitaria (R29).
L’EMOZIONE CHE VINCE SULLA COMPETENZA - limitatamente alla politica (R33), secondo me, il motivo dell’attuale situazione può essere dovuto al fatto che molto spesso le persone che hanno tempo e modo per cercare di fare carriera difficilmente rispondono al profilo ideale che ho delineato (R10 e R20), in modo particolare per un forte squilibrio tra l’alto carisma emotivo di cui abusano (R17) e una preparazione culturale deficitaria, il che fa sì che queste persone si impongano sulle persone competenti perché il loro messaggio emotivo ha la meglio sul messaggio razionale, mentre la loro ignoranza ha la meglio sulla cultura altrui (R24), quindi sulla conoscenza, sulla preparazione e sulla consapevolezza, perché le armi emotive contemplano anche strumenti che la ragione non ammette, come la menzogna, la faziosità e la strumentalizzazione, in un confronto simile a quello tra una persona a mani nude e una armata.
L’UNICA SPERANZA PER LA CULTURA - si crea così una situazione di dittatura dell’ignoranza sulla cultura di cui usufruiscono proprio le persone che potrebbero incidere di più per porre rimedio e che però non lo fanno per mantenere uno status quo che gli fa comodo - ne deriva che l’unica speranza per la crescita culturale può venire da iniziative private di persone o associazioni veramente interessate al benessere della popolazione, attuale e futura.
>Le armi dell’emozione e dell’ignoranza vincono sulla ragione e sulla cultura e solo una iniziativa privata può porvi rimedio<
Gian Franco Dettori - ve13apr2018
R29<<CONOSCENZA E COMPETENZA
LO STATO DI SALUTE DI UNA SOCIETÀ >>R31
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R23 - CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA >i vari tipi di cultura e il ruolo di educazione, esperienze e persone stimate
R24 - LA CULTURA E L'IGNORANZA >sapienti, superbi, umili e arroganti
R25 - IL SAPIENTE E LA SAPIENZA >quando il sapere non è ostentato
R26 - IL SUPERBO E LA SUPERBIA >quando il sapere da risorsa preziosa monta la testa di chi lo possiede
R27 - L'UMILE E L'UMILTÀ >quando la propria ignoranza è riconosciuta senza ipocrisia
R28 - L'ARROGANTE E L'ARROGANZA >quando l’ignoranza è nascosta per esigenze emotive
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R10 - IL MODELLO DI POLITICO IDEALE >le doti che dovrebbe avere un buon politico
R11 - LA RAPPRESENTANZA POLITICA >i tre criteri con cui scegliere da chi farsi rappresentare
R13 - VALERE PER GLI ALTRI O SOLO PER SE STESSI >autorevolezza, autoritarismo, umiltà ed esibizionismo nella politica
R15 - L’ABUSO DELLA FIDUCIA E DELL’IGNORANZA ALTRUI >come vantarsi ridimensionando gli altri
R16 - IRRESPONSABILITÀ E DEMAGOGIA >come i politici inaffidabili ci prendono in giro
R17 - L’ABUSO DI UNA DOTE INCOMPLETA >quando l’emozione vola ma senza la ragione cade
R18 - STRATEGIE E DIPLOMAZIA AL SERVIZIO DEGLI ALTRI O PER SÉ STESSI >la politica che dà e la politica che prende
R19 - PROFESSIONISTI E POLITICANTI >la politica come servizio o come ripiego
R20 - IL POLITICO PERFETTO >il profilo ideale di politico che emerge da sette doti
Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"