R41 - LA STRUMENTALIZZAZIONE DI UNA SCONFITTA
>condannare gli avversari a perdere e poi pretendere che governino<
Ieri, alle 20:48 il senatore Renzi, in riferimento alla sua intervista da Fabio Fazio a Che tempo che fa, ha twittatoSiamo seri. Chi ha perso le elezioni non può andare al Governo. Non possiamo rientrare dalla finestra dopo che gli italiani ci hanno fatto uscire dalla porta. I giochetti dei caminetti romani non possono valere più degli italiani” - più tardi, alle 21:10, un altro tweet: “La palla è nelle mani del M5S e della Lega. Se non sono capaci di mettere in pratica le mirabolanti promesse fatte, o torniamo a votare o riconosciamo che il sistema istituzionale italiano non funziona: facciano loro una proposta per fare una riforma istituzionale” il senatore del PD fa finta che i 5S e la Lega, o più in generale la coalizione di centrodestra, abbiano vinto le elezioni parlamentari del 4 marzo e in qualità di vincitori avrebbero il dovere di governare.
TUTTI SCONFITTI - mentre un sistema elettorale maggioritario garantisce la vittoria di una partito o di una coalizione, e fa in modo che i vincitori abbiamo in Parlamento una maggioranza per governare da soli, un sistema proporzionale dà una percentuale di seggi vicina alla percentuale di consensi, il che più spesso impone di doversi accordare con gli avversari per costituire una maggioranza parlamentare per poi governare - la legge Rosato è un sistema elettorale misto (37% maggioritario, 61% proporzionale e 2% proporzionale per gli elettori dall’estero), e siccome nessuno ha la maggioranza in Parlamento, e nessuno è disposto a tradire programma e promesse elettorali per dare un governo al Paese purché sia, al momento la possibilità di un governo sembra sempre più difficile da costituire - inoltre, mentre la Lega continua a mandare inviti ai 5S e mentre i 5S continuano a proporre un “contratto” condiviso con gli altri, i piddini dicono che ad aver vinto sono Lega e 5S e che pertanto tocca a loro governare, quando in realtà, visto l’esito delle elezioni, è evidente che non ha vinto nessuno.
IGNORANZA E STRUMENTALIZZAZIONE - così, il senatore Renzi ha approfittato del favore del conduttore e della distrazione degli ascoltatori per fare bella figura, omettendo dati di fatto scomodi e di fatto prendendo in giro tutti, dimostrando tra l’altro di non essere interessato ad avere un elettorato informato e consapevole.
>Un politico onesto non approfitta né dei favori di un conduttore né dell’ignoranza degli elettori<
Gian Franco Dettori - lu30apr2018
R40<<LA POSSIBILITÀ DI UN GOVERNO CON M5S E PD
COMUNICAZIONE, CULTURA, FALSE NOTIZIE E INTERNET>>R42
 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
sTwitter, su Facebook, su Google+, su LinkedIn o su Pinterest
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R1 - UNA PROVA DI IMMATURITÀ >l’esito elettorale ha rivelato i limiti di una classe politica ancora poco matura
R2 - UN PERSONAGGIO INSIGNIFICANTE IN CERCA DI VISIBILITÀ >quanto giudicare negativamente è peggio che non giudicare per niente
R4 - TUTTI SCONFITTI, SOPRATTUTTO I 5 STELLE >perché quella che per altri sarebbe potuta essere una vittoria, per gli allievi di Beppe Grillo è una chiara sconfitta
R7 - LA COERENZA POLITICA >l’ideologia prima di tutto
R10 - IL MODELLO DI POLITICO IDEALE >le doti che dovrebbe avere un buon politico
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R30 - LA DITTATURA DELL'IGNORANZA >perché spesso ha successo chi ha poca cultura
R38 - UNA SOLA SOLUZIONE VALIDA >come salvare la faccia di fronte all’impasse politica
R39 - DALLA DURA OPPOSIZIONE A UNA TRAPPOLA RIVELATRICE >i 5S e la loro incoerenza apparente o reale
R40 - LA POSSIBILITÀ DI UN GOVERNO CON M5S E PD >sembra che sia possibile una maggioranza prima impensabile

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"