R56 - LE POLEMICHE DOPO IL PRIMO VOLO DI STATO DI GIUSEPPE CONTE
>dai giudizi arbitrari a una coerenza fittizia<
In occasione del suo primo appuntamento internazionale, il G7 in Canada, il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha usato un aereo di Stato, il che ha provocato la reazioni dell’opposizione (G7, Conte vola in Canada con un aereo di Stato. M5s: “Non è l’Airbus di Renzi”), in modo particolare da parte di alcuni esponenti del Partito Democratico che negli anni scorsi si sono sentiti rinfacciare da alcuni 5S un uso scorretto dei soldi pubblici da parte di Matteo Renzi quando era presidente del consiglio (Air Force Renzi, ora è ufficiale: costa 150 milioni di euro. È scritto in un documento del ministero della Difesa).
L’INCOERENZA NELLA VITA E IN POLITICA - mentre la coerenza nella  vita in generale è la corrispondenza reciproca tra pensiero, parola e comportamenti (R6), nella politica questa corrispondenza  riguarda ideologia, dichiarazioni ufficiali e iniziative concrete (R7, R8) - sia nella vita che nella politica la coerenza non può prescindere da un riferimento teorico esplicito o implicito, la cui assenza apre le porte a una improvvisazione che facilita l’incoerenza - come è stato già scritto (R5), l’incoerenza di per sé non va considerata un grave difetto, ciò che non va è accusare gli altri di incoerenza essendo o essendo stati essi stessi incoerenti - il punto di partenza di questa coerenza fittizia (R5) che spesso esita in una incoerenza manifesta è l’arbitrarietà con cui sono giudicati i comportamenti propri (positivamente) e altrui (negativamente), soprattutto quando gli altri sono degli avversari da mettere in cattiva luce di fronte a un elettorato avido non di una visione coerente della vita e della politica ma di riferimenti che soddisfino le proprie esigenze emotive - nel caso in questione i 5S prima hanno criticato un comportamento ma successivamente, quando lo stesso comportamento lo ha avuto il proprio esponente di punta al governo, lo hanno dovuto legittimare cadendo nell’incoerenza.
COERENZA, INCOERENZA E UMILTÀ - da quanto è stato scritto emerge che ogni persona e ogni politico, hanno il dovere di essere coerenti solo quando è possibile, il che implica il riconoscimento dei propri limiti (umiltà, R27), con la consapevolezza che nessuno può pretendere né di essere sempre coerente, né che gli altri lo siano sempre perché la pretesa di essere sempre assolutamente coerenti è la prima condizione che conduce all’incoerenza.
>Il bisogno di parlar male degli altri e di vantare se stessi conduce facilmente all’incoerenza<
Gian Franco Dettori - sa09giu2018
R55<<DAL FALSO MORALISMO ALL'OBBLIGO DI FARE BENE
LA QUESTIONE RIFUGIATI E MIGRANTI>>R57 
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
 
R1 - UNA PROVA DI IMMATURITÀ >l’esito elettorale ha rivelato i limiti di una classe politica ancora poco matura
R4 - TUTTI SCONFITTI, SOPRATTUTTO I 5 STELLE >perché quella che per altri sarebbe potuta essere una vittoria, per gli allievi di Beppe Grillo è una chiara sconfitta
R12 - LA TENTAZIONE DI RINNEGARE LE PROPRIE FRAGILI RADICI >un'occasione ghiotta da lasciarsi sfuggire
R41 - LA STRUMENTALIZZAZIONE DI UNA SCONFITTA >condannare gli avversari a perdere e poi pretendere che governino
R43 - UNA PROVA DI FORZA INCOERENTE >come contaminare l’ideologia del proprio partito con la propria
R5 - 1° RICHIAMO ALLA COERENZA DEL 2018 >una dote facile da pretendere ma difficile da vivere
R6 - IL MODELLO DI PERSONA COERENTE >un riferimento logico-pragmatico non sempre esemplare
R21 - IGNORANZA E MALAFEDE >quando l’ignoranza non è una colpa e quando può creare molti guai
R23 - CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA >i vari tipi di cultura e il ruolo di educazione, esperienze e persone stimate
R24 - LA CULTURA E L'IGNORANZA >sapienti, superbi, umili e arroganti
R25 - IL SAPIENTE E LA SAPIENZA >quando il sapere non è ostentato
R26 - IL SUPERBO E LA SUPERBIA >quando il sapere da risorsa preziosa monta la testa di chi lo possiede
R27 - L'UMILE E L'UMILTÀ >quando la propria ignoranza è riconosciuta senza ipocrisia
R28 - L'ARROGANTE E L'ARROGANZA >quando l’ignoranza è nascosta per esigenze emotive
R29 - CONOSCENZA E COMPETENZA >ignoranti, conoscitori inesperti e conoscitori esperti
R30 - LA DITTATURA DELL'IGNORANZA >perché spesso ha successo chi ha poca cultura
R7 - LA COERENZA POLITICA >l’ideologia prima di tutto
R8 - LA COERENZA STORICA NELLA POLITICA >la conoscenza del passato al servizio del presente per un futuro migliore
R45 - L’ARROGANZA POLITICA >il narcisismo e l’avidità dei singoli che bloccano gli interessi collettivi
R33 - L'AMMINISTRAZIONE COME VOCAZIONE >chi amministra per merito e chi lo fa per privilegio

 

Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"