R57 - LA QUESTIONE RIFUGIATI E MIGRANTI
>interpretazione e soluzione di un problema molto grave<
Una premessa obbligatoria la impone la delicatezza di un argomento che non può essere affrontato con sufficiente completezza da una persona che scrive comodamente da un posto lontano dai fatti in questione e le cui uniche fonti sono indirette - il problema dei rifugiati o rifugiati politici e dei migranti, secondo Wikipedia, ha inizio nel 2015, con lo spostamento di un numero sempre crescente di persone provenienti soprattutto da Medio Oriente, Asia meridionale, Africa e dai Balcani occidentali, in parte per via terra ma anche attraverso il mar Mediterraneo, che dopo un viaggio più o meno lungo trovano prima degli scafisti che si fanno pagare, poi i soccorsi da parte di Organizzazioni Non Governative che li portano sulla terra ferma da dove poi vengono distribuiti soprattutto nel territorio della nazione ospitante ma anche in altre, con tutti i disagi dovuti soprattutto alle spese di vitto, alloggio e sanità di questi ospiti e alla criminalità quasi inevitabile - secondo alcuni queste persone fuggono per i motivi più vari da territori disagiati e meritano di essere accolti tutti, secondo altri vanno accettati solo i rifugiati che ne hanno diritto, mentre i migranti andrebbero respinti e rimandati a casa loro, anche per scoraggiare il traffico degli scafisti, le presunte speculazioni da parte delle ONG e l’indifferenza degli altri Paesi dell’Unione Europea.
SOLIDARIETÀ O SEVERITÀ - i due diversi modi di interpretare e di affrontare questo problema rivelano la tradizionale differenza tra la sinistra, che privilegia la solidarietà e che pensa e opera partendo da questioni di principio, a volte incurante delle implicazioni pratiche, e la destra, che invece tende a trascurare principi teorici e privilegia le implicazioni pratiche immediate e nel lungo periodo, dando al proprio operato una impronta più severa e orientata a risolvere più radicalmente possibile i problemi, costi quel che costi.
UN RIFIUTO SOFFERTO MA OBBLIGATO - per come sono stati presentati, tra i due approcci al problema il più valido nell’immediato ma soprattutto nel lungo periodo è quello di chi propone e impone il respingimento di almeno una parte delle persone che chiedono di essere accolte, in modo particolare dei migranti, accettando solo i rifugiati, anche perché dietro questi veri e propri traffici di esseri umani sembrano esserci interessi degli scafisti tenuti in parte occulti da chi sta approfittando direttamente o indirettamente dell’Italia e delle imposizioni europee per arricchirsi cinicamente sulla pelle di chi fugge dai propri Paesi di origine.
>Per quanto sofferto, il rifiuto di chi chiede accoglienza è l’unica soluzione per evitare abusi immediati e salvare vite umane nel lungo periodo<
Gian Franco Dettori - lu11giu2018
R56<<LE POLEMICHE DOPO IL PRIMO VOLO DI STATO DI GIUSEPPE CONTE
ARBITRARIETÀ DI RAGIONI E TORTI>>R58
Se questo richiamo vi è piaciuto potete condividerlo
usando i tasti sotto il testo
 
Richiami attinenti
R55 - DAL FALSO MORALISMO ALL'OBBLIGO DI FARE BENE >dalle macerie di una politica pessima emergono motivi di ottimismo
R56 - LE POLEMICHE DOPO IL PRIMO VOLO DI STATO DI GIUSEPPE CONTE >dai giudizi arbitrari a una coerenza fittizia
R5 - 1° RICHIAMO ALLA COERENZA DEL 2018 >una dote facile da pretendere ma difficile da vivere
R6 - IL MODELLO DI PERSONA COERENTE >un riferimento logico-pragmatico non sempre esemplare
R21 - IGNORANZA E MALAFEDE >quando l’ignoranza non è una colpa e quando può creare molti guai
R23 - CULTURA, SAPERE E CONSAPEVOLEZZA >i vari tipi di cultura e il ruolo di educazione, esperienze e persone stimate
R42 - COMUNICAZIONE, CULTURA, FALSE NOTIZIE E INTERNET >come una risorsa culturale può diventare un limite e come porvi rimedio
R44 - LA SCIENZA CHIUSA NEL PASSATO E LA SCIENZA APERTA AL FUTURO >il progresso come ricerca di conferme o come apertura alle novità
R31 - LO STATO DI SALUTE DI UNA SOCIETÀ >educatori, amministratori e terapeuti rispetto alla salute di una società
R46 - VARI TIPI DI APPARENZA >fiducia, certezza, incertezza, diffidenza
R47 - LA DISTRIBUZIONE DELL'APPARENZA >dall’apparenza all’opinione, alla verità, all’apparenza stessa o alla menzogna
R54 - LA COSTITUZIONE E TWITTER >come una risorsa diventa un limite

 

Pin It

logo lizard

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.  Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso clicca su "cookies policy"